Sas repùblicas europeas minores pagant prus pagu sa benzina

2

elaboratzioni Sa Mesa Creativa de iRS

In su mese de làmpadas 2012 sa benzina virde in sa Slovacchia ( 5 miliones de abit.) fit a 1,51 euro cada litru; e totu cuntra una mèdia UE de 1,62. Sa Sardigna (1.600.000 abit.) regione de s’istadu italianu e chi non est rapresentada in s’Europa e chi est produtora de benzina (Saras), in làmpadas pàgaiat sa virde dae 1.80 a 1-90 (datos de Min.Sviluppu Economicu).

A ite nos servit chi tenimus in domo sa Saras,  una ràfineria chi fàghet su 15% de sa capacidade de rafinatzione italiana si pustis nois Sardos (chi non semus nemancu su 2% de sa popolatzione) no nd’amus nudda dae custa industria, e bi sunt galu dannos meda a s’ambiente e a sa salude nostra?

Pro ite sas ferrovias nostras sunt gai arretradas dae sa fine de sa gherra e non pèrmitint de ne àtire sos produtos in sos trenos imbetzes de impreare sas màchinas? Comente mai sa Regione autònoma non àcat una manera de triballare ind’una leze regionale noa? Esempios bonos bi nd’ant:

-Livigno, tenet unu privilegiu dae su 1910 e chi fit dadu ca fit isoladu meda in sas baddes alpinas e oe sa benzina igue costat 1,16 euro pro su litru.

-Sa Regione Friuli fàghet un’iscontu finas a 21 centesimos pro sa benzina e 14 pro su gasoliu.

Già s’ischit ca sa terra nostra est piena de malasorte comente sa mancada atuatzione de s’articulu 8 de su istatudu nostru. E b’at finas su problema de sa recessione de s’economia, comente narant sos datos de su Sole 24 ore: in s’atopu intro rèditos e ispesas, sa Sardigna est sa prima regione chi perdet positziones.

Su tema de sa benzina at a essere in mesu a s’arejonu pùblicu intra a su Cùnsizu Regionale, custu podiat essere su signale chi sa classe politica sarda cheret bessire dae sa conditzione de servidude in cue c l’ant posta sas segreterias romanas, mascamente ca sa benzina est importante pro s’ispesa chi sa zente faghet onzi die, finas sa possibilidade chi b’at a si mòvere. Unu primu passu at a essere cussu de ‘nde bogare sas acisas pagadas pro sos carburantes e chi podet abbasciare sos prejos.

Sas pompas biancas, sos ditributores sena marca, podent essere s’alternativa concreta cunrta su monopoliu de sos distributores mannos chi faghent sos prejos a sa sola.

Sa benzina faghet bìere in manera limpia sa crisi chi b’at in Sardigna e in s’ultimu mese cun sos prejos a 2 euros cada litru e finas peus.

Si nois amus at essere una repùblica indipendènte e rapresentada in Europa, non amus a pagare sas accisas italianas e istare competitivos intro sos mercados internatzionales

iRS – indipendèntzia Repùblica de Sardigna

Versione in italiano:

Le piccole repubbliche europee pagano di meno la benzina.

A luglio 2012 la benzina verde in Slovacchia (5 milioni di abit.) costava 1,51 € al litro ; in Lituania (3 milioni di abit.) 1,39 al litro; a Cipro (800.000 abit.) 1,28 al litro; a Malta (450.000 abit.) 1,44 al litro; tutto ciò con una media UE di 1,62. La Sardegna (1.600.000 abit.), regione dipendente dall’Italia non rappresentata in Europa ma produttrice di benzina (Saras), pagava un litro di verde a luglio dai 1,80 ai 1,90. (fonte: Min. Sviluppo Economico, 2012)

A cosa serve avere in casa la Saras, una raffineria che produce in Sardegna il 15% della capacità di raffinazione d’Italia, se poi noi Sardi (che non siamo neppure il 2% della popolazione) non abbiamo nessun vantaggio in termini tangibili da tale industria, ma addirittura una lunga serie di esternalità negative arrecate all’ambiente e alla salute pubblica?

Perché la nostra rete ferroviaria è sostanzialmente ferma dal dopoguerra e non consente, di fatto, il trasporto efficiente e con un minimo di capillarità delle merci nel nostro territorio, delegando di fatto tutto al trasporto su gomma?

Come mai la nostra Regione Autonoma non trova il modo di lavorare ad una legge regionale che allevi almeno parzialmente questo autentico lusso che è diventato andare al distributore di benzina? Eppure esempi virtuosi non mancano:

– Livigno, forte di un privilegio che vale dal 1910 e che era, pensate, concesso per via del suo isolamento nelle valli alpine, ha la benzina che oggi costa 1,16 eur/litro.

– la Regione Friuli Venezia Giulia applica uno sconto fino a 21 centesimi per la benzina e fino a 14 centesimi al litro per il gasolio.

Che la nostra terra sia vittima di ingiustizie certificate come l’attuazione dell’art.8 del nostro Statuto è cosa nota. Altrettanto evidente la clamorosa recessione della nostra economia, certificata dai recentissimi dati del Sole24ore: nell’incrocio tra redditi e consumi delle regioni italiane, la Sardegna è tra le prime a perdere posizioni rispetto agli anni precedenti ed è la penultima in graduatoria.

Il tema dei costi della benzina nell’ isola dovrebbe essere la centro del dibattito politico del Consiglio Regionale, sarebbe se non altro il segnale che la classe politica sarda vuole uscire dalla condizione di subalternità in cui le segreterie di Roma l’hanno sempre relegata, sopratutto se si tratta di un un bene il cui rincaro si ripercuote sulla spesa di tutti i giorni, dai nostri spostamenti a quelli delle merci che consumiamo. Un primo passo da compiere dovrebbe essere quello dell’eliminazione delle accise pagate sui carburanti e che porterebbe già da subito ad una netta riduzione del prezzo alla pompa.

Le “pompe bianche” ossia i distributori senza marca, potrebbero ricevere incentivi e diventare un’alternativa concreta al monopolio dei grandi distributori che spesso fanno cartello sui prezzi.

Il caso “benzina”che ormai è un sintomo significativo della crisi che subisce la Sardegna è stato nell’ultimo mese accentuato dal rialzo dei prezzi che hanno raggiunto i 2 euro al litro proprio in occasione degli esodi estivi, penalizzando ulteriormente l’isola e facendo scegliere ai turisti mete più economiche.

Emerge sempre più chiaramente l’esigenza che la Sardegna abbia una nuova soggettività internazionalese fossimo una repubblica ben rappresentata in Europa eviteremo di pagare le accise italiane e potremo concorrere nei mercati internazionali come fanno altri stati pienamente indipendenti.

iRS – indipendèntzia Repùbrica de Sardigna

Rassegna Stampa

-Alguer.it: Carburante alle stelle: «a che serve la Saras»

-Il Minuto: Caro Benzina. Irs “la nostra terra è vittima di ingiustizie certificate”

-5 stelle tv: iRS sul caro benzina: A cosa serve avere in casa la Saras?

Share.

2 commenti

  1. Pingback: Nei cantieri Baccasara di Arbatax il simbolo dell’ignoranza politica regionale sulla zona franca

  2. Pingback: Caro benzina. Irs “la nostra terra sia vittima di ingiustizie certificate” | ilMinuto - notizie Mediterranee - edizione Sardegna ilMinuto – notizie Mediterranee – edizione Sardegna

Leave A Reply